Malloreddus o Chiusoni?


Be’ dipende in che parte della Sardegna tu abbia fatto le vacanze o da quale parte della Sardegna tu provenga, ma quelli che il resto degli italiani chiamano gnocchetti sardi qui li chiamiamo Malloreddus, Chiusoni, Ciusoni e Maccarones de Ungia.
Si fanno col pollice, sempre, ma si usano attrezzi differenti: antichi cesti di canne e asfodelo, tavolette di legno rigate e come nel caso dei Chiusoni, il retro di una grattugia.

Per i sardi, non c’è pasta che unisce più di questa!

La ricetta è semplicissima (per 4 persone):
400 g di semola/semolato di grano duro rimacinato
Acqua tiepida (circa la metà del peso della farina)
1 pizzico di sale .
In Sardegna non usiamo pasta all’uovo e il grano duro tende a mantenere bene la cottura perciò il mio consiglio è quello di scavarli bene, per permettere una cottura corretta (non fatemi gli gnocchi di patate.. quelli sono un’altra cosa!).

Il condimento per tradizione è un sugo di pomodoro e salsiccia fresca o pasta di salsiccia (nel Campidano, si aggiungono anche zafferano e finocchietto).
Il piatto si può completare con un po’ di pecorino sardo e Totus a mandigare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...